Un breve presentation de Dante e del conflictos politic, religiose e ideologic de su epocha (Per Bruno Zani)

(Languages of this post: Interlingua, Italian, English)

Dante viveva in un del plus turbulente periodos del historia italian e europee. Illo era un periodo de massive cambios social, politic et economic. Il anque era un epocha de extreme brutalitate, de grande guerras civil includente tote le Europa occidental e reflectente se in parve guerras local in cata citate.

Le papa e le imperator del Sancte Roman Imperio era in le secundo seculo de un guerra que continuava con rapide cambios de alliantias e multe traisones e massacros ab le anno 1125.

Le duo adversarios principal era le “Guelfos” e le “Ghibellinos”. Le nomines era de origine germanic e le guerra initiava in Germania con le rivalitate inter le casa de Bavaria-Saxonia, appellate Welfen (o “Guelfi” in italiano), de un parte, e illo de Svevia, appellate Hohenstauffen e residente in le castello de Weiblingen (o “Ghibellino” in italiano).

Le rivalitate comenciava al morte del imperator Henrico V, qui moriva sin heredes in 1125. Le corona imperial vadeva al Hohenstauffen, e le guerra dynastic intra le duo familias lentemente escalava a cata angulo de Europa.

Traditionalmente le grande feudatarios de tote Europa supportava le imperatore, mentre citates libere, le papa, Acquitania, Francia e Aragona supportava le duces de Bavaria. Dante e su citate, Florentia, non era immun al resultatos de tal guerras quia ambe partes in guerra habeva supportatores local.

Toto lo que nos sape sur le familia de Dante es lo que ille mesme dice a nos in Paradiso in le cantos XV, XVI e XVII, ubi ille incontra Cacciaguida degli Elisei, le gran-patre de su gran-patre, qui originava le casa del Alighieri. Facte un cavalier per le imperator Corrado III de Svevia, ille moriva in le secunde crusada (1147-1149). Ille habeva maritate un femina del familia Aldighieri e su filio primogenitor, Aldighiero, es creditate con le cambio de nomine del familia. Le Al(d)ighieri habeva duo blasones, un con un ala auree in campo blau e le latere con un campo divise in medietates vertical blau e rosse con un barra color argento horizontal al centro.

Dante era non ric ma habeva bastante moneta de mantener su cavallo e su cuirasse. Ille serviva como un cavalier in le battalia de Campaldino in 1289. Iste battalia disfaceva le Ghibellinos toscan e permitteva al Guelfos de dominar le Toscana. Illes se divideva in duo partes, le Guelfos “nigros”, appoyante un controllo papal sur le citates libere, e le “blancos”, appoyante le total independentia del citates libere. Dante se declarava pro le “blancos” e sequeva lor sorte.

Dante nasceva in 1265 e recipeva le nomine de Durante, abbreviate per su amicos a Dante. Ille studiava subto Brunetto Latini, le scriptor del prime Encyclopaedia in un lingua romanic (occitano) e se interessava de poesia, litteratura e le valores del romanticismo que era propagate per le trobadores e menstreles errante del tempore.

Como tote aspirante politicos, ille era bilingual e parlava fluentemente latino e le dialecto florentin. Ille scribeva su obras serie, le “de Monarchia” e le “De Vulgari Eloquentia” in latino, ma scribeva in italiano su obra poetic como le “Vita Nova”, le “Convivio” e le “Divina Commedia”.

Como ille affirma in le Convivio, ille voleva probar que le lingua vulgar era assi nobile que le latino e assi capabile de exprimer le mesme conceptos complicate o poetic que Vergilio exprimeva in latino. A iste scopo ille colligeva con Brunetto Latini, Cino da Pistoia e Lapo Gianni un gruppo multo influential de poetas qui usava le dialecto local in le “dulce stylo nove”. Ille anque se inscribeva al “Corporation del apothecarios e medicos”, quia le pharmacistas era anque le propagatores de libros.

Quando ille habeva duodece annos de etate ille era fidantiate a Gemma de Donati in un matrimonio arrangiate per le familias, como era costume al epocha. Ille se maritava con Gemma in 1285 e habeva octo filios e filias, solmente quatro del quales le superviveva.

Totevia, su grande amor, secundo le tradition del romanticos de su epocha, era Beatrice Portinari. Ille la videva le prime vice quando ille habeva novem annos de etate. Le duo nunquam se incontrava e Beatrice moriva in 1290. Le figura de Beatrice es immense in le vita de Dante e tote su poesias son dedicate a illa o parla de illa.

In le anno 1300 Dante era un del “duodecemviros” qui administrava le citate de Florentia. In tal capacitate, ille signava le sententia de exilio del plus importante Guelfos nigre, accusate de conspiration contra le governamento blanc del citate.

Incluse in le ordine de exilio era anque Manetto Donati, su socero e leader del nigros. Le nigros se appellava al Papa pro obtiner adjuta a retornar in Florentia. Le papa se appellava al rege de Francia, qui mitteva in Italia un “fortia de pacification” comandate per su fratre, Carolo de Valois.

Tentante de prevenir le entrata del franceses in citate, le blancos mitteva Dante a Roma a negotiar con le Papa, ma Carolo de Valois approfitava del prime signo de dissension pro saccar le citate e arrestar le blancos. Dante escappava captura ben que ille esseva ancora in Roma, ma ille era processate in contumacia e condemnate al exilio, sub pena de esser ardite al palo si ille era capturate.

Su uxor, al qual ille nunquam dedicava un poesia e del qual ille nunquam parla, decideva de sequer le in exilio con le filios e filias, benque illa era protecte per su patre.

Ille passava le proxime vinte annos in exilio protecte per su ancian inimicos, le Ghibellinos, qui admirava su talento diplomatic e su poesia, durante que ille era chassate per alcunes de su con-citatanos Guelfos.

Ille moriva in Ravenna in 1321 a causa de malaria e era inhumate illac. Un tomba era preparate per Dante in Florentia in le basilica de Sancte Maria del Flor in le XVII seculo, ma Ravenna refusava de retornar su corpore al citate que le habeva exiliate. Le cenotaphio florentin de Dante, remane vacue. Solmente in 2001 le concilio municipal de Florentia abrogava su decreto de execution contra Dante

Le descedentia directe ab Dante finiva con le morte de Francesco de Dante, canonico del Cathedral de Verona, in 1558. Totevia, il ha ancora descendentia salic (per linea feminin) per le soror de Francesco, Ginevra, maritate al conte Marcantonio de Serego in 1549.

Le familia del contes Serego-Alighieri habita vicin a Verona, le citate de Cangrande della Scala, protector e benefactor de Dante e al qual Dante dedicava le prime parte del Divin Comedia, le Inferno.

Su prime filio, Petro, se stabiliva in Verona e co-operava con Boccaccio in le prime version commentate del Divin Comedia. Iste commentario es signate per “un anonymo florentin” e includeva notas e commentos producite per Dante mesme e que ille usava in le scriptura del “Divin Comedia”.

Una breve presentazione di Dante e dei conflitti politici, religiosi ed ideologici della sua epoca

Dante visse in uno dei periodi più turbolenti della storia italiana ed europea. Era un momento di grande cambiamento sociale, politico ed economico ed era anche un periodo di estrema brutalità, di grandi guerre civili, includente tutta l’Europa occidentale e reflettentesi in piccole guerre locali in ogni città.

Il papa e l’imperatore del Sacro Romano Impero, erano nel secondo secolo di una guerra che continuava con rapidi cambiamenti di alleanza, e molti tradimenti e massacri a decorrere dal 1125.

I due avversari principali erano i Guelfi e i Ghibellini. I nomi erano di origine germanica, e la guerra iniziava in Germania, con la rivalità tra il casato di Baviera-Sassonia, o Welfen (“Guelfi”, in italiano), da un lato, e il casato di Svevia, o Hohenstauffen, possessori del castello di Weiblingen (“Ghibellino”, in italiano).

La rivalità iniziò alla morte dell’imperatore Enrico V, morto senza eredi nel 1125. La corona imperiale andò agli Hohenstauffens, e la guerra dinastica tra le due famiglie lentamente si allargò al resto dell’Europa.

Tradizionalmente, i grandi feudatari europei sostenevano l’imperatore, mentre le città libere, il Papa, Aquitania, Francia e Aragona sostenevano il duca di Baviera. Dante e la sua città, Firenze, non furono immuni dagli eventi di tale guerra, perché entrambe le parti in guerra avevano sostenitori locali.

Tutto quello che sappiamo sulla famiglia di Dante, è quello che egli stesso ci racconta nei Canti XV, XVI e XVII del “Paradiso”, nei quali si imbatte in Cacciaguida degli Elisei, il suo trisnonno, fondatore del casato degli Alighieri. Nominato Cavaliere dall’imperatore Corrado II di Svevia, egli morí nella Seconda Crociata (1147-1149). Egli aveva sposato una donna della famiglia Aldighieri, e al suo figlio primogenito, Aldighiero, è attribuito il cambiamento del nome della famiglia. Gli Al(d)ighieri avevano due stemmi, uno con un’ala d’oro in campo azzurro e l’altro il cui campo era diviso in due metà verticali, una blu e una rossa, con una banda orizzontale di colore argento all centro dello scudo.

Dante non era ricco, ma aveva abbastanza soldi per mantenere il suo cavallo e la sua armatura. Serví nella cavalleria guelfa nella battaglia di Campaldino, nel 1289. Questa battaglia distrusse i Ghibellini toscani e permetté ai Guelfi di dominare la Toscana. Successivamente essi si divisero in due partiti, quello dei Guelfi “neri”, che sostenevano il controllo papale sulla città libere, e i “bianchi” sostenenti la completa indipendenza per la città libere. Dante si schierò con i “bianchi”.

Dante nacque nel 1265 e ricevette il nome di Durante, abbreviato in Dante dai suoi amici. Studiò sotto Brunetto Latini, che scrisse la prima enciclopedia in una lingua romanza (occitano) e si interessò di poesia, letteratura ed i valori romantici disseminati dai trovatori e menestrelli erranti del tempo.

Come tutti gli aspiranti politici, era bilingue e parlava sia latino sia il dialetto fiorentino correntemente. Scrisse le sue opera serie “De Monarchia” e “De Vulgari Eloquentia” in latino, ma preferí l’italiano per le sue opere poetiche, come la “Vita Nuova”, il “Convivio”, e la “Divina Commedia”.

Come afferma nel Convivio, egli voleva dimostrare che la lingua del popolo era tanto nobile quanto il latino e quindi in grado di esprimere gli stessi concetti complicati e poetici espressi in latino da Virgilio. Con questo obiettivo in mente, insieme a Brunetto Latini, Cino da Pistoia, e Lapo Gianni, riuní un gruppo molto influente di poeti che utilizzarono il dialetto locale nel “dolce stil nuovo”. Inoltre egli aderí alla “Corporazione dei farmacisti e medici” perché i farmacisti erano anche i distributori di libri.

All’eta di dodici anni, si fidanzò con Gemma de Donati in un matrimonio prearrangiato dalle loro famiglie, come era la consuetudine del tempo. Sposò Gemma nel 1285 ed ebbe otto figli e figlie, solo quattro dei quali sopravvissero.

Il suo grande amore, secondo la tradizione dei romantici della sua epoca, era Beatrice Portinari. Egli la vide per la prima volta quando aveva nove anni. I due non si incontrarono mai e Beatrice morì nel 1290. Beatrice fu una figura enorme nella vita di Dante e tutte le sue poesie sono o dedicate a lei o parlano di lei.

Nel 1300 Dante era uno dei “duodecemviri”, i dodici uomini che amministravano la città di Firenze. In questa veste, firmò l’ordine di esilio contro i più importanti Guelfi neri, accusati di congiurare contro il governo bianco della città.

Incluso nel decreto di esilio era Manetto Donati, suo suocero e capo dei neri. I neri fecero appello al Papa per aiuto per tornare a Firenze. Il Papa si rivolse al re di Francia, che inviò in Italia una forza di “pacificazione”, commandata da suo fratello “Carlo di Valois”.

Nel tentativo di impedire l’ingresso dei francesi in città, i bianchi inviarono Dante a negoziare con il Papa a Roma, ma Carlo di Valois approfittò del primo segno di dissenso per saccheggiare la città e arrestare i bianchi. Dante sfuggì alla cattura, essendo ancora in Roma, ma fu processato in contumacia e condannato all’esilio, sotto pena di essere messo al rogo in caso di cattura.

Sua moglie, a cui mai dedicò una poesia e di cui non parlò mai, decise di seguirlo in esilio con la prole, benchè fosse protetta dal padre.

Trascorse i prossimi venti anni in esilio protetto dai suoi ex nemici, i Ghibellini, che ammiravano il suo talento diplomatico e la sua poesia, mentre era inseguito da alcuni dei suoi concittadini Guelfi.

Morì di malaria a Ravenna nel 1321 e lí fu sepolto. Nel XVII secolo, Firenze gli preparò una tomba nella Basilica di Santa Maria del Fiore, ma Ravenna rifiutò di restituire i suoi resti alla città che lo aveva esiliato. Il cenotafio fiorentino di Dante rimane vuoto ancora oggi e solamente nel 2001 il consiglio comunale di Firenze abrogò la sentenza di morte contro Dante.

La linea dei discendenti diretti di Dante si concluse nel 1558, con la morte di Francesco de Dante, il canonico della Cattedrale di Verona. Esiste ancora tuttavia una discendenza in linea femminile (secondo la legge salica), attraverso la sorella di Francesco, Ginevra, che sposò il conte Marcantonio Serego nel 1549.

La famiglia dei Conti Serego-Alighieri vive vicino a Verona, la città di Cangrande della Scala, protettore e benefattore di Dante e a cui Dante dedicò la prima parte della Divina Commedia, l’Inferno.

Suo figlio primogenito, Pietro, si stabilì a Verona e collaborò con Boccaccio nella prima versione commentata della Divina Commedia. Questo commentario è firmato da “un anonimo fiorentino” e include le note e i commenti raccolti da Dante e usati da lui nella scrittura della Divina Commedia.

A Brief Presentation of Dante and of the political, religious, and ideological conflicts of his era

Dante lived in one of the most turbulent periods in Italian and European history. It was a time of massive social, political, and economic change. It was also an era of extreme brutality, of great civil wars, engulfing all of Western Europe and reflected in small local wars in each city.

The Pope and the emperor of the Holy Roman Empire were in the second century of a war that had continued onward with rapid changes of alliances, and a lot of acts of treason and massacres from the year 1125.

The two principal adversaries were the “Guelphs” and the “Ghibellins”. The names had a Germanic origin, and the war also started out in Germany with the rivalry between the house of Bavaria-Saxony, called Welfen (Or “Guelfi” in Italian), on the one hand, and the house of Svevia, called Hohenstauffen and headquarted in Weiblingen Castle (“Ghibellino” in Italian).

The rivalry started on the death of the emperor Henry V, who died without heirs in 1125. The imperial crown went to the Hohenstauffens, and the dynastic war between the two families slowly spread out to all corners of Europe.

Traditionally, Europe’s great feudal lords supported the emperor, while the free cities, the Pope, Aquitania, France, and Aragon supported the leaders of Bavaria. Dante and his city, Florence, were not immune to the events of this war because both sides in the war had local supporters.

Everything that we know about Dante’s family, is what he himself tells us in his “Paradiso” in the cantos XV, XVI, and XVII, where he runs into Cacciaguida degli Elisei, his grandfather’s grandfather, who had established the house of the Alighieri’s. Knighted by the emperor Corrado II of Svevia, he died in the Second Crusade (1147-1149). He had married a woman from the Aldighieri family, and his first-born son, Aldighiero, is credited with the family’s name change. The Al(d)ighieri had two coats of arms, one with a golden wing on a blue field and the other with a field divided into two vertical blue and red halves with an horizontal silver bar in the center.

Dante was not rich, but he had enough money to maintain his horse and his armor. He served as a knight in the Battle of Campaldino in 1289. This battle undid the Tuscan Ghibellins and allowed the Guelphs to dominate Tuscany. They soon split up into two parts, the “Blacks” supporting Papal control over the free cities, and the “Whites” supporting complete independence for the free cities. Dante cast his lot with the “Whites”.

Dante was born in 1265 and was baptised as Durante, later shortened to Dante by his friends. He studied under Brunetto Latini, who wrote the first encyclopedia in a Romance language (Occitan) and was interested in poetry, literature, and the romantic values that were spread around by the wandering troubadours and minstrels of the time.

Like all aspiring politicians, he was bilingual and spoke fluently both Latin and the Florentine dialect. He wrote his serious works “De Monarchia” and “De Vulgari Eloquentia” in Latin, but he wrote in Italian his poetic works, such as the “Vita Nuova”, the “Convivio,” and the “Divine Comedy.”

As he affirms in the “Convivio,” he wanted to prove that the people’s language was as noble as Latin and thus capable of expressing the same complicated or poetic concepts that Virgil expressed in Latin. With this purpose in mind, along with Brunetto Latini, Cino da Pistoia, and Lapo Gianni, he gathered a very influential group of poets who used the local dialect in the “dolce stil nuovo.” He also joined the “Corporation of Apothecaries and Physicians” because pharmacists also were the distributors of books.
When he was twelve years old he was betrothed to Gemma de Donati in a marriage araranged by their families, as was customary at that time. He married Gemma in 1285 and had eight sons and daughters, only four of whom survived.

His great love, according to the tradition of the Romantics of his era, was Beatrice Portinari. He saw her for the first time when he was nine years old. The two never met, and Beatrice died in 1290. Beatrice cuts a tremendous figure in Dante’s life and all his poems are dedicated to her or speak about her.

In the year 1300 Dante was one of the “duodecemviros”, the twelve men who administered the city of Florence. In this capacity, he signed the writ exiling the most important black Guelphs, accused of conspiracy against the white government of the city.

Included in the writ of exile was Manetto Donati, his father-in-law and leader of the Blacks. The Blacks appealed to the Pope for help in returning to Florence. The Pope called on the king of France, who sent to Italy a “pacification force” commanded by his brother, Charles of Valois.

In an attempt to prevent the entry of the French into the city, the Whites sent Dante to Rome to negotiate with the Pope, but Charles of Valois took advantage of the first sign of dissension to sack the city and arrest the whites. Dante escaped capture since he was still in Rome, but he was tried in absentia and condemned to exile under pain of being burned at the stake if he were captured.

His wife, to whom he never dedicated a poem and of whom he never speaks, decided to follow him into exile with his sons and daughters, though she was protected by her father.

He spent the next twenty years in exile protected by his former enemies, the Ghibellins, who admired his diplomatic talents and his poetry, while he was hunted down by some of his fellow citizens, the Guelphs.

He died from malaria in Ravenna in 1321 and was buried there. A tomb was prepared for Dante in Florence in Santa Maria del Fiore’s Basilica in the seventeenth century, but Ravenna refused to return his remains to the city that had exiled him. Dante’s Florentine grave still remains empty. Only in 2001 did the city council of Florence annul its death sentence against Dante.

Dante’s line of direct descendants ended with the death of Francesco de Dante, the canon of the Cathedral of Verona, in 1558. Still, he has descendants even now through a feminine line (by Salic law), through Ginevra, the sister of Francesco. Ginevra married to Count Marcantonio de Serego in 1549.

The family of the counts Serego-Alighieri lives near Verona, the city of Cangrande della Scala, Dante’s protector and benefactor, to whom Dante dedicated the first part of the Divine Comedy, the Inferno.

His first son, Pietro, settled down in Verona and colaborated with Bocaccio in the first annotated version of the Divine Comedy. This commentary is signed by “an anonymous Florentine” and includes some notes and comments by Dante himself and used by him to write the “Divine Comedy.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: